Costruzione del portafoglio mediante un processo di Asset Allocation Strategica e Tattica



Stabilito il proprio profilo di Rischio/Rendimento bisogna procedere alla costruzione di un portafoglio che possa fornire risultati coerenti con quanto deciso. L’asset allocation è il procedimento di decisione ed implementazione di una suddivisione di risorse finanziarie tra un insieme di classi d’investimento, che consentono di raggiungere questo risultato. Il processo di asset allocation individua il portafoglio più efficiente, cioè quella che remunera meglio il Rischio accettato, in base ai vincoli imposti dal titolare del patrimonio.

L’attività di asset allocation, semplificando, è costituita da due fasi principali: in una si individuano i portafogli che in base ai vincoli imposti consentono di raggiungere l’obiettivo di Rischio o Rendimento ricercato; successivamente nell’altra si seleziona, tra i portafogli individuati, il più efficiente (ottimizzazione).
Il risultato di questa attività è la determinazione del portafoglio con il Rendimento atteso stabilito dal titolare del patrimonio e con la minore rischiosità possibile; o viceversa il portafoglio con il livello di rischiosità ritenuto accettabile dal titolare e con il massimo Rendimento atteso possibile.

L’importanza del processo di allocazione dei capitali, nelle diverse classi d’investimento, trova pienamente concordi sia l’ambiente accademico sia la comunità finanziaria. Una serie di studi hanno, infatti, dimostrato come la decisione di allocazione delle risorse finanziarie fra macroclassi d’investimento determini il 90% dei risultati finanziari di un investitore - alcuni studi si spingono fino ad attribuire oltre il 95% della performance di un portafoglio alla decisione di asset allocation, mentre altri indicano una percentuale intorno all’87%. La rilevanza del processo di asset allocation è tanto maggiore quanto maggiore è l’orizzonte temporale del portafoglio.
Quali investimenti effettuare, all’interno delle classi e settori (stock picking), e quando comprare e vendere (market timing) sono scelte che si rivelano marcatamente meno importanti rispetto alla prima allocazione. Risulta, quindi, evidente come il processo di asset allocation rivesta un’importanza fondamentale nell’attività di ogni investitore, e tanto più importante al crescere dell’orizzonte temporale dell’investitore.

Al mutare dei vincoli imposti dal titolare del portafoglio o al mutare di alcune grandezze espresse dai mercati, si sviluppano azioni di asset allocation tattica al fine di ottenere costantemente un portafoglio con la massima efficienza e con valori di rischiosità e redditività in linea con i vincoli imposti. Altresì, in presenza di portafogli già costituiti, implementare il portafoglio individuato dall’asset allocation con un'unica azione di riallocazione delle risorse finanziarie potrebbe essere impraticabile o dannoso; si individuano quindi dei passaggi intermedi tattici - asset allocation tattica - al fine di ottenere nel tempo il portafoglio voluto.







Avvertenze Legali ~ © Copyright 2004 MangustaRisk Ltd. ~ Tutti i diritti riservati